lunedì 19 settembre 2016

Filled Under: , ,

SIRF - Sistema Italiano di Rilevamento Fulmini



A tutti sarà capitato di rimanere qualche volta senza fornitura elettrica a causa di fulmini caduti nei pressi di linee elettriche che sono fra le maggiori cause di guasto per le linee elettriche di media e bassa tensione.

Sono fenomeni estremamente pericolosi anche per tante altre attività umane, sia ricreative che lavorative e per questa ragione sono studiati da molto tempo. Lo sforzo tecnologico per studiare queste manifestazioni hanno richesto un notevole sforzo tecnologico soprattutto nell'allestire e gestire reti di rilevamento e prevenzione dei fenomeni.
Negli ultimi decenni le ricerche scientifiche sviluppate in tutto il pianeta hanno permesso la progettazione e realizzazione di nuovi sistemi di rilevamento.
Il Italia, il CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano), fin dall'inizio degli anni sessanta ha sviluppato studi e ricerche in tema di fulmini, sia con test di laboratorio sia con analisi teoriche e studi in campo.
Nel 1994 ha realizzato una rete di sensori di fulmini, denominato SIRF(Sistema Italiano di Rilevamento Fulmini) che gli ha permesso di sviluppare una vasta esperienza nella conduzione dei sistemi di rilevamento e nell'analisi dei dati.  Il SIRF è una rete a livello nazionale, unica in Italia, per la rilevazione in tempo reale e per la localizzazione spaziale delle scariche di fulmine sviluppatesi tra nubi e suolo.
Gli elementi fondamentali del Sistema SIRF sono
  • i sensori;
  • le reti di trasmissione dati;
  • il centro operativo;
I dati vengono rilevati ed immagazzinati in un archivio centrale che è situato presso il centro operativo di SIRF, che a sua volta trasmette i dati a chi ne faccia richiesta.

SIRF - I Sensori
I sensori del sistema di rilevamento sono16 e situati sul territorio Italiano. Per migliorare le prestazioni alcuni sono posti in vicinanza del confine Italiano, in Francia, in Svizzera ed in Austria.
Tutti i sensori utilizzati sono del tipo IMPACT della Global Atmospherics Technology Inc., dotati di antenne elettromagnetiche a banda larga e con un sistema di posizionamento satellitare GPS.
I sensori, ripulendo i segnali dal "rumore elettromagnetico di fondo,  misurano il campo elettromagnetico emesso dal fulmine del tipo "nube-suolo" generando i dati grezzi come direzione del campo elettromagnetico, tempo, etc.  I sensori, posizionati sia sul territorio Italiano che in territorio estero, trasmettono i dati grezzi al Centro Operativo di SIRF, attraverso linee di trasmissione dedicate.
SIRF - Le reti di telecomunicazione
Ogni sensore è collegato al centro operativo situato presso la sede del CESI di Milano. Ciascuna di queste linee porta i dati grezzi al Router centrale di SIRF, e invia i comandi dal centro operativo al sensore, nel caso di interventi a distanza o di controlli.
Il Router, a sua volta, trasmette i dati grezzi contemporaneamente all'analizzatore centrale e all'analizzatore di backup.
Una volta calcolati i dati di fulmine, questi vengono inviati su rete interna SIRF al data base centrale.
SIRF - Il Centro Operativo
I dati dei sensori sono forniti e trattati da Analizzatori di Posizione che calcolano velocemente la localizzazione geografica di impatto del fulmine,  il tempo in cui è avvenuto l'evento e soprattutto i parametri elettrici caratteristici del fulmine (ampiezza di corrente, polarità, numero di colpi).
I dati calcolati vengono trasmessi sia ai clienti che al centro operativo SIRF per essere immagazzinati nel data base. Da questo data base le informazioni possono essere estratte in qualsiasi formato (statistiche, mappe, tabelle, etc..
 

0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono moderati e verranno pubblicati appena possibile.